HOME | CHI SIAMO | IL PROGETTO | SONDAGGI | CONTATTI

 
USERNAME
  PASSWORD
       
ISCRIZIONE   RECUPERO PASSWORD  
   
 
  • L’informazione è la chiave di volta per le malattie rare
  • Lettera aperta degli Omeopati FIAMO al Consiglio Regionale, alla Giunta Regionale e ai Partiti politici della Regione Lazio
  • Ferruccio Fazio ha visitato il Centro Clinico NEMO
  • Mario Melazzini sul testamento biologico
  • Testamento biologico. Iardino: "Sia rispettata la volontà dei pazienti"

 
 
 
  • “Anche le cellule passano le frontiere” - Tavola Rotonda, mercoledì 11 marzo 2009, ore 10,30
  • “Autismo, iperattività, epilessia, metabolismo, tossicologia, nutrizione e riabilitazione: approccio biologico e terapeutico”
  • Può la Programmazione Neuro Linguistica migliorare la complìance?
  • X° Congresso Nazionale SICOP

 
 
 
Uroandrologia Ricostruttiva
Cellula cancerosa
AMAVAS
Onlus For a smile
Semeiotica biofisica
Chirurgia Laser
Otorinolaringoiatria
Prevenzione prostata
 
 
  Home Rassegna stampa Ultime pubblicate Parkinson: meno rischi se la menopausa arriva più tardi  
     
 
Parkinson: meno rischi se la menopausa arriva più tardi

Le donne che hanno il ciclo mestruale da piu' anni (dalla prima mestruazione fino alla menopausa) hanno meno probabilita' di sviluppare il morbo di Parkinson. Almeno questo e' quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Albert Einstein College e che verra' presentato in occasione del meeting annuale dell'American Academy of Neurology (Aan).
Lo studio ha coinvolto 73.973 donne in menopausa. Dai risultati e' emerso che le donne che sono rimaste fertili oltre i 39 anni di eta' avevano il 24 per cento in meno di probabilita' di sviluppare il Parkinson rispetto alle donne che sono andate in menopausa prima. "Questi risultati - ha detto Rachel Saunders-Pullman, che ha coordinato lo studio - dimostra che l'esposizione del corpo agli ormoni, compresi gli estrogeni, possono aiutare a proteggere le cellule cerebrali dal morbo di Parkinson". Sarebbero pero' solo gli estrogeni prodotti naturalmente del corpo a sprigionare questo effetto protettivo. Quindi, secondo i ricercatori, la terapia ormonale sostitutiva non ha alcun effetto benefico.

Fonte: AGI Salute

Commenti
Aggiungi Nuovo Cerca
Per commentare l'articolo, prima deve effettuare il login.
 
 
 



 
 
 
 
 
 
 
Tutto il materiale in questo sito è copyright di FCE s.r.l. - Torino. E' vietata la riproduzione anche parziale Contatti I vostri video dibattito Formazione I vostri articoli Rassegna Stampa Home