HOME | CHI SIAMO | IL PROGETTO | SONDAGGI | CONTATTI

 
USERNAME
  PASSWORD
       
ISCRIZIONE   RECUPERO PASSWORD  
   
 
  • L’informazione è la chiave di volta per le malattie rare
  • Lettera aperta degli Omeopati FIAMO al Consiglio Regionale, alla Giunta Regionale e ai Partiti politici della Regione Lazio
  • Ferruccio Fazio ha visitato il Centro Clinico NEMO
  • Mario Melazzini sul testamento biologico
  • Testamento biologico. Iardino: "Sia rispettata la volontà dei pazienti"

 
 
 
  • “Anche le cellule passano le frontiere” - Tavola Rotonda, mercoledì 11 marzo 2009, ore 10,30
  • “Autismo, iperattività, epilessia, metabolismo, tossicologia, nutrizione e riabilitazione: approccio biologico e terapeutico”
  • Può la Programmazione Neuro Linguistica migliorare la complìance?
  • X° Congresso Nazionale SICOP

 
 
 
Uroandrologia Ricostruttiva
Cellula cancerosa
AMAVAS
Onlus For a smile
Semeiotica biofisica
Chirurgia Laser
Otorinolaringoiatria
Prevenzione prostata
 
 
  Home Rassegna stampa Ultime pubblicate Essere in sovrappeso o estremamente sottopeso danneggia la salute allo stesso modo delle sigarette  
     
 
Essere in sovrappeso o estremamente sottopeso danneggia la salute allo stesso modo delle sigarette

I chili di troppo sono come le sigarette: aumentano le chance di numerose malattie e abbassano l’aspettativa di vita. La sorprendente scoperta, pubblicata recentemente sulle pagine del British Medical Journal, è di un gruppo di ricercatori svedesi che ha analizzato 46.000 uomini che avevano 18 anni all’inizio dello studio per scoprire che chi era in sovrappeso, estremamente sottopeso o fumatore di circa 10 sigarette al giorno correva lo stesso rischio di morire prematuramente.
I ricercatori del Karolinska Institute di Stoccolma, coordinati da Martin Neovius, hanno studiato vizi relativi al fumo e indice di massa corporea (BMI) di decine di migliaia di giovani che erano stati visitati prima del servizio di leva. I ricercatori hanno, poi, analizzato il tasso di mortalità nei venti anni successivi, durante i quali sono deceduti tremila giovani, e il dato emerso era quello che indicava una correlazione piuttosto significativa tra morte prematura e sovrappeso ma anche tra morte e BMI inferiore a 17 (indice di estremo sottopeso). Tradotto in numeri, queste due caratteristiche erano collegate ad un rischio di morire da giovani superiore del 30%, una percentuale del tutto simile a quella registrata tra i giovani che fumavano dieci sigarette al giorno; essere obesi, infine, aumentava addirittura del doppio le chance di morire precocemente.

Fonte: Pagine Mediche

Commenti
Aggiungi Nuovo Cerca
Per commentare l'articolo, prima deve effettuare il login.
 
 
 



 
 
 
 
 
 
 
Tutto il materiale in questo sito è copyright di FCE s.r.l. - Torino. E' vietata la riproduzione anche parziale Contatti I vostri video dibattito Formazione I vostri articoli Rassegna Stampa Home